La differenza tra alta e bassa pressione atmosferica

Tutti noi almeno una volta abbiamo sentito parlare di alta e bassa pressione atmosferica durante le previsioni meteo. Ma cosa vuol dire effettivamente ?

Prima di tutto è bene descrivere cosa sia realmente la pressione atmosferica. Di norma si crede che l’aria sia un qualcosa che non abbia un peso, nonostante ciò, l’aria che fa parte e compone l’atmosfera terrestre è un agglomerato di diversi gas, come: azoto, ossigeno, anidride carbonica, idrogeno e tanti altri in quantità molto più inferiore e presenta un suo peso specifico e una sua massa. Questa importante miscela che rende vivibile il pianeta Terra ed è essenziale per la vita di piante, animali ed esseri umani è costantemente sottoposta ad una variazione di pressione variabile a seconda dell’altitudine.

Questa spinta cui l’aria viene assoggettata, e definita pressione atmosferica, non è altro che: il rapporto tra la forza peso della colonna d’aria che preme su di una superficie presente in un qualsiasi punto dell’atmosfera terrestre e viene misurata secondo il sistema internazionale con l’unità di misura Pascal tramite degli appositi strumenti chiamati barometri. Ovviamente questa pressione non è mai costante e varia in funzione di specifici fattori.

Oltre alla variazione di quota precedentemente accennata -più aumenta l’altitudine e più diminuisce la pressione- entra in gioco anche il fattore temperatura. L’aria calda, infatti, risulta maggiormente leggera di quella fredda e tende perciò a salire. Dunque, più una colonna d’aria possiede una temperatura inferiore, più risulta pesante e di conseguenza esercita maggiore pressione. Quindi se la temperatura è soggetta a diminuzione la pressione aumenta, creando la così detta alta pressione, evento che può verificarsi soprattutto nelle zone montuose. Un’area di alta pressione viene anche chiamata area anticiclonica.

Viceversa, più la temperatura aumenta e tanto più la pressione diminuisce, andando a creare la così detta bassa pressione, un’area di bassa pressione viene chiamata area ciclonica. Questo fenomeno inversamente proporzionale è poi influenzato anche dall’umidità, in quanto, il vapore acqueo risultante più leggero delle molecole che compongono l’aria, a parità di temperatura e altitudine crea quel fenomeno per cui: tanto più la colonna d’aria risulta secca e priva di vapore acqueo, tanto più sarà pesante, andando a determinare un considerevole aumento della pressione atmosferica

Ovviamente le variazioni di pressione sono quasi sempre abbastanza contenute e circoscritte, ma cosa definisce e contraddistingue il tempo di alta e il tempo di bassa pressione?
Di norma il meteo caratterizzato dall’alta pressione prevede un cielo perlopiù sereno, tranne che per le piccole nubi che si possono venire a creare nelle stagioni più calde e dalla possibilità di formazione di piccoli banchi di nebbia stratificati molto vicino al suolo. Per quanto riguarda i venti per la maggior parte sono in presenza deboli o assenti e caratterizzati da un’aria prettamente calda anche in quota.

Con la bassa pressione, invece, è molto più frequente l’avvicendarsi di un tempo dal forte carattere perturbato con grandi precipitazioni molto diffuse e durevoli. Tutto ciò avviene a causa della risalita verso l’alto dell’aria più calda, che salendo fa diminuire la pressione e di conseguenza la temperatura. Questo fenomeno porta alla condensazione dell’aria in grado di formare nuvole e precipitazioni. Anche i venti sono costanti e forti ed è presente una scarsissima escursione termica nelle ore notturne dovuta dalla costante copertura da parte delle nuvole, che non permettono alle radiazioni solari di avvicinarsi al terreno.

Dopo questa rapida definizione sarà sicuramente più semplice identificare quelle zone caratterizzate dall’avvicendarsi di alta e bassa pressione e il cui variare porta un cambio repentino del meteo e sarà ancora più semplice interpretare le carte metereologiche mostrate durante le previsioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *