Legno naturale vs MDF

mdf-legno

Quando si decide di arredare casa occorre in primo luogo decidere quale materiale usare, se il legno o dei materiali alternativi che si stanno aprendo degli spicchi di mercato sempre più ampi.
Andremo di seguito in questo artico a estimate le differenze tra legno e MDF.

Cos’è l’MDF

Il Medium-density fibreboard conosciuto come MDF sono elementi derivati da fibre di legno, spesso elementi di scarto che vengono utilizzati purché siano senza corteccia, perché bessa indebolirebbe la struttura che si andrà a comporre.
Le fibre sono finemente tritate e vengono tenute insieme da colle e resine che vanno a comporre dei pannelli appunto di MDF.
Le caratteristiche peculiari di questo materiale sono:

  • È un materiale a basso impatto ambientale visto che è ricavato dagli scarti delle altre lavorazioni;
  • Simula il legno massiccio: la sua struttura compatta permette di lavorarlo e di sagomato facilmente a nostro piacimento;
  • Resistente e stabile grazie alla sua struttura uniforme;
  • Il suo aspetto liscio lo rende un materiale facilmente dipingibile quindi adatto a qualsiasi tipo di utilizzo;
  • Può essere utilizzato per diversi utilizzi per fare tavoli, sedie o altri tipi di mobilio;
  • Resistente all’umidità ma non all’acqua, non è consigliabile per fare piani di appoggio soprattutto di cucina;
  • Il prezzo è inferiore a quello del legno.

Legno naturale

Il legno è invece un materiale conosciuto ormai da tutti e che ha avuto largo utilizzo nella costruzione di mobili di tutti i tipi.
Il legno è ricavato dalla parte più interna e dura degli alberi.
Oggi si parla di legno naturale per porre attenzione all’ambiente con un utilizzo del legno che sia fatto con un occhio all’ecosostenibilità.
Il legno ha numero qualità intrinseche nel suo essere come ad esempio l’antistaticità e l’antibattericità. Con la sua capacità di rilasciare umidità nell’aria rende l’ambiente dove è utilizzato piacevolmente vivibile. Il mobilio in legno naturale permette di vivere in modo sano e senza sostanze nocive. Il legno lasciato allo stato brado permette di vivere in un ambiente quasi selvatico e pieno di energia, forza che nell’artefatto industriale viene un po’ persa e addomesticata.
Il suo utilizzo può essere svariato è possibile ricavarne tavoli, serie, armadi e inoltre offre molti spunti per un arredamento rustico.
Dal legno naturale si ricavano anche pavimentazioni e pannelli per rivestire intere pareti.

Legno naturale o MDF?

Non possiamo dare una risposta univoca a questa domanda, come abbiamo visto precedentemente entrambi i materiali hanno aspetti positivi e negativi. I due sono prodotti economici e che garantiscono una lunga resistenza in qualsiasi utilizzo.
l’MDF risulta probabilmente più facile da lavorare rispetto al legno naturale. Un legno non trattato risulterà sempre imperfetto e mai completamente piatto. Per dipingerlo occorre lavorarlo in modo che la vernice possa facilmente attecchire. Lavorarlo però vorrebbe dire perdere il suo aspetto rustico di legno completamente naturale.
L’MDF è invece compatto e resistente ottimo per le lavorazioni industriali che devo essere destinate a un mercato che sia accessibile a livello di prezzi a tutti.
Sia il legno che l’MDF sono materiali che garantiscono un elevato potenziale di assorbimento sia sonoro che di calore. Questo soprattutto vale per il legno, non a caso di legno vengono anche fatte o rivestite intere abitazioni ecosostenibili che permettono un notevole risparmio energetico.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *