Facility management informatico: di che si tratta

Con le nuove tecnologie e l’uso di strumenti sempre più avanzati, i luoghi di lavoro stanno subendo dei cambiamenti drastici, spesso poco confortevoli e comodi per i lavoratori. Lavorare in un ambiente ordinato e dove tutto è a portata di mano dovrebbe essere l’ideale per chiunque.

Tra le altre cose, la gestione di un’azienda richiede la supervisione di alcune funzioni piuttosto importanti, come quello della fornitura di energia elettrica, della linea telefonica e di tutti quei servizi che servono a mantenere in funzione un edificio e la sua struttura.

Per questo negli ultimi anni sono nate delle figure professionali che hanno questo compito, svolgendo quel lavoro che viene definito come Facility management industriale. Un tipo di lavoro che serve proprio a
Ma di cosa si occupa nello specifico un Facility manager e quali sono i doveri a cui deve assolvere?

Vediamo di fare un po’ di chiarezza su questa nuova figura professionale, in modo da capire quali sono le sue reali funzioni e i possibili sbocchi lavorativi.

Per Facility Management si intende una specifica funzione all’interno di un’azienda che ha il compito di gestire e coordinare gli spazi di lavoro, rendendoli comodi e funzionali per i lavoratori, sempre tenendo a mente le esigenze e gli obiettivi dell’azienda.

Questo significa che la figura del facility manager deve occuparsi del buon funzionamento della rete di telecomunicazione, della rete telefonica, della sicurezza aziendale e di quella dei lavoratori, della manutenzione, del servizio mensa, degli uffici e di tutte le comodità e funzioni per il corretto svolgimento delle attività lavorative.

Quindi in sostanza il Facility Manager svolge tutte quelle attività legate alla gestione dell’edificio, tra le quali rientrano anche i servizi di elettricità, gas, luce, impianti idraulici e così via.

La figura del facility manager può essere interno all’azienda oppure essere un professionista esterno ingaggiato appositamente per svolgere queste mansioni. Esso garantisce alti livelli di professionalità per la gestione dell’azienda e dei suoi uffici, mantenendo un budget basso e in linea con le esigenze del cliente.

Per poter lavorare in maniera professionale e mirata, il facility manager si avvale di un metodo di lavoro che prevede le seguenti attività:


• progettazione e pianificazione dei vari servizi a supporto del processo lavorativo dell’azienda
• aumento dell’efficienza nel processo produttivo dell’azienda
• fare in modo che l’azienda si adegui alle esigenze di mercato

Agendo in maniera strategica, analitica, e gestionale, il facility manager si incarica di trovare i servizi necessari all’azienda per portare avanti il business, analizzando quindi i costi e il budget necessario.

Attraverso colloqui con i lavoratori riesce ad individuare quali sono li aspetti da migliorare per rendere il posto di lavoro più confortevole e funzionale, e attraverso i dati analizza i benefici dei cambiamenti apportati, controllando l’aumento della produttività.

Tra i compiti richiesti c’è anche quello della gestione dei vari servizi di facility aziendali, decidendo di volta in volta quanto e come erogarli nei vari settori. Un lavoro piuttosto impegnativo ma altrettanto interessante che attualmente trova sbocchi in molti campi.

Per approfondire: vedere il sito SMI.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *